Personale docente

Antonio Piccoli

Professore associato confermato

MED/14

Indirizzo: VIA GIUSTINIANI, 2 - PADOVA . . .

Telefono: 0498212179

Fax: 0498218292

E-mail: apiccoli@unipd.it

  • Il Lunedi' dalle 13:00 alle 14:30
    presso Policlinico 4° piano, studio n. 12


Informazioni personali
Antonio Piccoli
Via Avisio 63, 35135 Padova
Nato a Pederobba (TV) 1949

Settore professionale
Professore Associato Confermato di Nefrologia
Dipartimento di Medicina DIMED, Università di Padova

Esperienza professionale

1976: Medico Interno Universitario
Istituto di Clinica Medica I, Università di Padova

1980: Ricercatore Universitario
Istituto di Medicina Interna, Università di Padova

1992: Professore Associato di Nefrologia
Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Università di Padova

1995: Professore Associato Confermato di Nefrologia
Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Università di Padova

2012: Responsabile dell'Unità Operativa Complessa di Nefrologia 1 dal 1° ottobre 2012
ad oggi

2012: Direttore della Scuola di Specializzazione in Nefrologia dal 1° ottobre 2012






Istruzione e formazione

1975: Laurea in Medicina e Chirurgia (110/110 e lode)
Università di Padova

1978: Specializzazione in Nefrologia Medica
Università di Padova

1981: Diploma di Statistica
Università di Padova

1983: Laurea in Scienze Statistiche e Demografiche
Università di Padova

1988: Specializzazione in Medicina Interna
Università di Padova


Attività didattica
Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia (IV anno)- Università di Padova
Nefrologia (corso integrato di Specialità medico-chirurgiche I)


Scuola di Specializzazione in Medicina Interna - Università di Padova
Nefrologia

Scuola di Specializzazione in Nefrologia - Università di Padova
• Le sindromi nefrologiche
• Statistica medica e Biometria in campo nefrologico
• Diagnosi di Laboratorio delle nefropatie
• Semeiotica strumentale delle nefropatie
• Nefrologia: Clinica


Scuola di Specializzazione in Pediatria - Università di Padova
Sindrome Nefritica Acuta


Attività scientifica

Il Prof. Piccoli è autore di numerose pubblicazioni scientifiche (590, delle quali 215 in extenso su riviste internazionali con impact factor di 410, 105 su riviste in lingua Italiana e 270 abstract di congressi internazionali) su argomenti di ricerca nell'area della Medicina Interna, in particolare Nefrologia.

Nel 1995 ha inventato l’analisi vettoriale di bioimpedenza (BIVA) per la quale ha fornito prove di validazione clinica in molte condizioni di alterazione dei fluidi, come emodialisi, dialisi peritoneale, sindrome nefrosica, obesità, malnutrizione, anoressia, e più recentemente nella diagnosi differenziale fra dispnea cardiogena e non cardiogena e nel monitoraggio dell’ultrafiltrazione nello scompenso cardiaco. Molti ricercatori stanno contribuendo alla validazione clinica della BIVA su popolazioni eterogenee (Europa, USA, Messico, Argentina, Brasile, Cuba, India, Cina).

Ha partecipato alla stesura delle “Linee guida per il trattamento dell’anemia nell’insufficienza renale cronica” della Società Italiana di Nefrologia (2003).

Gli articoli su riviste internazionali sono reperibili su Medline www.PubMed.com digitando piccoli a.

Attività scientifica

Il Prof. Piccoli è autore di numerose pubblicazioni scientifiche (590, delle quali 215 in extenso su riviste internazionali con impact factor di 410, 105 su riviste in lingua Italiana e 270 abstract di congressi internazionali) su argomenti di ricerca nell'area della Medicina Interna, in particolare Nefrologia.

Ha partecipato alla stesura delle “Linee guida per il trattamento dell’anemia nell’insufficienza renale cronica” della Società Italiana di Nefrologia (2003).

Nel 1995 ha inventato l’analisi vettoriale di bioimpedenza (BIVA) per la quale ha fornito prove di validazione clinica in molte condizioni di alterazione dei fluidi, come emodialisi, dialisi peritoneale, sindrome nefrosica, obesità, malnutrizione, anoressia, e più recentemente nella diagnosi differenziale fra dispnea cardiogena e non cardiogena e nel monitoraggio dell’ultrafiltrazione nello scompenso cardiaco. Molti ricercatori stanno contribuendo alla validazione clinica della BIVA su popolazioni eterogenee (Europa, USA, Messico, Argentina, Brasile, Cuba, India, Cina).

Protocolli di ricerca attuali
Guida della terapia infusiva con la BIVA nella disidratazione in Pronto Soccorso
Valore prognostico della BIVA a tre mesi nei pazienti in emodialisi cronica
Studio multicentrico sull'efficacia dell'Epoetina Z nell'anemia renale


Corso opzionale su: Analisi di bioimpedenza per la clinica