Personale docente

Franco Cozzi

Professore associato confermato

MED/16

Indirizzo: VIA GIUSTINIANI, 2 - PADOVA . . .

Telefono: 0498212193

Fax: 0498218292

E-mail: franco.cozzi@unipd.it

"Clicca il link per scaricare il curriculum in formato europeo"

Download Curriculum_Cozzi.pdf

"CLICCA IL LINK PER UN ELENCO AGGIORNATO DELLE PUBBLICAZIONI"

Download Pubblicazioni_Cozzi.pdf

L’attività di ricerca del prof. Franco Cozzi ha spaziato in diversi campi della Reumatologia e più in generale della Medicina Interna e delle Malattie dell’Apparato Locomotore. Il suo impegno scientifico si è articolato principalmente in due campi, la sclerosi sistemica (sclerodermia) e i trattamenti termali delle malattie reumatiche. Questi due argomenti di ricerca hanno assunto preminenza di impegno e di caratterizzazione personale, con contributi riconosciuti in ambito nazionale ed internazionale.

A - Sclerosi sistemica. La casistica di oltre 700 pazienti afferiti alle strutture della Cattedra e U.O.C. di Reumatologia dell’Università di Padova a partire dal 1982 ha consentito uno studio della malattia in tutti i suoi aspetti. In particolare ha approfondito:

- l’epidemiologia e gli aspetti clinici generali, partecipando allo studio policentrico europeo EUSTAR (“EULAR sclerodermia trials and research group”);
- gli impegni clinici, in particolare le ulcere digitali (partecipando allo studio osservazionale europeo DUO, “Digital Ulcer Outcomes”), quello cardiaco, polmonare, renale, esofageo, urinario (partecipando allo studio policentrico internazionale LUTS, “Low Urinary Tract Symptoms in Systemic Sclerosis) e soprattutto l’ipertensione arteriosa polmonare;
- la patogenesi della malattia, con particolare riguardo al ruolo degli anticorpi antinucleo e antifibroblasti;
- la terapia con plasmaferesi, metodica con la quale sono stati trattati oltre 100 pazienti sclerodermici, gran parte dei quali con un particolare schema di trattamento a lungo termine.

Per approfondire le proprie conoscenze sulla sclerosi sistemica il prof. Cozzi ha frequentato come “visitor” il Centre for Rheumatology del Royal Free and University College Medical School di Londra diretto dall prof.ssa C. Black nel settembre 2001.
Ha inoltre instaurato collaborazioni internazionali con le seguenti strutture:
- Service d’Immunologie Clinique del Hopitaux Universitaires de Genève (prof. C. Chizzolini) dal 2006 per ricerche sugli anticorpi antifibroblasti nella sclerosis sistemica;
- Service de Rhumatologie, Hopital Cochin, Universite´ Descartes de Paris (prof. Y. Allanore) dal 2010 per ricerche sui polimorfismi genetici del TGFβ.
- Service de Rhumatologie, Doyen Universitè de Strasbourg (prof. J. Sibilia) dal 2012 per ricerche sullo stress ossidativo nella sclerosi sistemica.

B - Trattamento termale delle malattie reumatiche. La vicinanza dell’ Università di Padova al Bacino Termale Euganeo ha permesso da un lato lo studio degli effetti della fango-balneoterapia in varie malattie reumatiche, dall’altro l’approfondimento dei meccanismi d’azione mediante i quali la cura termale esplica i suoi effetti. In particolare sono stati analizzati:
- gli effetti neuroendocrini della fango-balneoterapia, con particolare riguardo alla liberazione in circolo dei peptidi oppioidi;
- l’azione anti-infiammatoria del fango termale, valutata su un modello sperimentale di artrite, quello ottenuto mediante l’iniezione di adiuvante di Freund nella zampa del ratto, e verificata analizzando la vascolarizzazione sinoviale mediante ecografia con mezzo di contrasto (CEUS);
- gli effetti della fango-balneoterapia sul quadro clinico dei reumatismi degenerativi, extra-articolari ed infiammatori: sono stati valutati gruppi di pazienti affetti dalle seguenti patologie: osteoartrosi, fibromialgia, spondilite enteropatica, spondilite anchilosante, artrite psoriasica.

I risultati delle suddette ricerche sono stati presentati dal prof. Cozzi e dai suoi collaboratori in numerose relazioni ad invito e comunicazioni a Congressi Nazionali ed Internazionali.
Hanno inoltre costituito l’argomento di oltre 450 pubblicazioni scientifiche, delle quali 113 censite su Pub Med, Scopus e/o Web of Knowledge.