DIABETE PER CAPIRSI E DIABETE IN GRAVIDANZA

Diabete per Capirsi

L’aumento della popolazione immigrata nel nostro paese ha determinato problematiche di comunicazione anche in relazione alle patologie croniche. I migranti affetti da diabete o che sviluppano diabete in Italia sono in aumento e pongono problemi al personale sanitario, primo fra tutti quello di superare le barriere linguistiche per far capire cosa è il diabete, come si deve curare e come si possono prevenire le complicanze croniche ad esso correlate.

La popolazione immigrata è più giovane della popolazione italiana e le analisi sui parti in Italia hanno messo in evidenza che le gravidanze nelle donne straniere hanno un esito più sfavorevole rispetto alle Italiane proprio per la difficoltà di accedere alle cure. La gravidanza nelle donne migranti è spesso complicata da diabete e questo comporta un aumento della frequenza di sviluppo di complicanze sia materne che fetali. Poter disporre di strumenti semplici di comunicazione è quindi di fondamentale importanza per migliorare la compliance di questi pazienti.

Il progetto Diabete per Capirsi mette a disposizione del personale sanitario e dei cittadini stranieri una serie di schede educative, con vignette illustrate, che affrontano in modo semplice i punti salienti del diabete e del diabete in gravidanza (stile di vita, corretta alimentazione, automonitoraggio della glicemia, terapia etc). Tali schede tradotte in 15 lingue e facilmente consultabili e scaricabili costituiscono uno strumento semplice per facilitare la comunicazione medico-paziente e per dare ai migranti una pari opportunità in termini di salute e di accesso alle cure.

Prof Annunziata Lapolla

Pagina del progetto